Abiti sartoriali: come riconoscerli

La sartoria italiana è uno dei fiori all’occhiello del lavoro artigiano made in Italy e del settore della moda.

L’abito sartoriale, vera e propria gemma della moda italiana ma che, molto spesso, viene confusa con i comuni abiti eleganti che si vedono nei negozi.

Come fare dunque a riconoscere un abito sartoriale? Scopriamolo subito!

L’abito sartoriale è pensato e studiato con “semplice” obiettivo: creare un capo che rispetti lo stile e il corpo della persona che intende indossarlo. È proprio con l’abito sartoriale che il sarto si destreggia prendendo misure e studiando le soluzioni più adatte non solo alla persona ma anche all’occasione per la quale l’abito verrà indossato.

Tendenzialmente, ci sono alcuni parametri fondamentali, alcune caratteristiche per riconoscere un abito sartoriale. 

Calza a pennello

Il modello dell’abito deve riuscire a valorizzare la figura, riuscendo a nascondere i difetti e valorizzandone i punti di forza.

Sebbene le linee debbano essere performanti, quasi come se si trattasse di una seconda pelle, l’abito deve consentire la fluidità nei movimenti.

Per questo motivo un abito sartoriale può sembrare leggermente più grande se visto non indossato.

Questo perché il sarto si prende cura di tutte le misurazioni per realizzare un abito bello da vedere e perfettamente in linea con il corpo dell’indossatore ma senza dimenticarne anche la praticità e la comodità.

Cura dei dettagli

L’abito sartoriale si differenzia tra i più comuni abiti eleganti per la sua forte cura e passione per i dettagli come ad esempio la particolarità della manica della giacca che deve sempre lasciare intravedere il polsino della camicia.

La possibilità di abbottonare la giacca sia quando si sta in piedi ma anche da seduti, giocando dunque con le misure sul torace ma anche una generale ottimizzazione delle misure sul davanti e sulla schiena dove non si dovrebbero mai vedere delle pieghe a X in quanto segno che il vestito è troppo stresso.  

Un abito sartoriale, rispetto ai soliti capi che vediamo in negozio e distribuiti dalle grandi aziende di abiti, ha una caratteristica fondamentale: la cura dei dettagli!

Materiali di pregio e colori studiati ad hoc

Oltre alla struttura dell’abito sartoriale ci sono anche alcuni dettagli importanti relativi al materiale utilizzato e alla tonalità di colore.

Un abito sartoriale dunque non lascerà al caso neanche questi fattori. Se il materiale dipende molto dal tipo di vestibilità e dal modello richiesto, il colore merita anch’esso una particolare attenzione.

Solitamente troviamo abiti sartoriali in colorazioni scure pensati per le stagioni più fredde o le occasioni più formali e per ambiti lavorativi mentre quelli più colorati saranno prescelti maggiormente per situazioni informali e per il periodo primavera-estate.

Oggi la maggior parte degli abiti sartoriali li troviamo in blu scuro, nero, grigio chiaro o grigio antracite a cui si abbina un tessuto particolare a seconda del modello richiesto.

Gli abiti sartoriali più in voga sono quelli con giacca monopetto provvista di 2 bottoni. Solitamente si chiude solo il bottone superiore oppure può essere provvista di 3 bottoni con il bottone centrale chiuso, o con spacchi sui lati.

Nulla è scontato

Nulla viene lasciato al caso e il sarto si prende cura di curare davvero tutte le fasi e tutti gli elementi che andranno a progettare e realizzare l’abito sartoriale.

Dalla cura del disegno fino ad arrivare alla scelta dei bottoni passando per le tonalità e le linee pensate per riuscire a plasmare il corpo rispettando però la personalità e l’utilizzo che se ne andrà a fare.

Il sarto è la figura principale a cui rivolgersi per questo tipo di abito.

L’abito sartoriale prevede molteplici misurazioni durante tutto il processo sia di progettazione che quello creativo con modifiche che vengono effettuate anche in fase di post produzione per un prodotto finale che sia davvero impeccabile.

Importante quindi è il rapporto che si istaura tra il sarto e colui che dovrà indossare l’abito.

La realizzazione dell’abito sartoriale è dunque un vero e proprio piccolo-grande viaggio nella moda alla scoperta di tutte le possibilità creative che uniscono originalità, personalità e profonda personalizzazione.

Se il tuo sogno è realizzare abiti sartoriali, dai un’occhiata al nostro corso di sartoria! Per fare ciò che ami, devi sono iniziare a farlo. 

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Impara ad interpretare uno spazio e a progettare la migliore soluzione possibile per valorizzare il design d’interni. Organizzazione, creatività e gusto estetico.

Una grande passione per la grafica abbinata allo studio del marketing, della comunicazione e della pubblicità sono il mix perfetto per diventare un Graphic Designer.

Racchiudere in un unico progetto user experience, comunicazione visiva, immagine del brand è il compito del Web Designer. Funzionalità ed estetica a servizio del web.

Studio della luce e dell’esposizione per catturare tutta l’essenza di una immagine. Metti al centro il tuo talento e lavora sulla tua vera passione.

Da una grande passione per la moda nascerà la tua prima vera collezione! Siamo qui proprio per insegnarti questo: scegliere i tessuti, trovare uno stile, disegnare un modello unico e originale, ideare un moodboard coerente e adatto a una sfilata di alta moda!

Lavorare nel mondo della moda non è una passeggiata, ma tu puoi diventare una professionista!
Impara a muoverti con disinvoltura e a mantenere una postura corretta .

Insegui il tuo sogno di diventare una Nail Artist professionale. Con il nostro corso acquisirai tile e competenza per spiccare il volo nel mondo della Nail Art

Per realizzare un beauty concept di livello professionale e ambire a lavorare nel mondo dello spettacolo, della moda, del teatro o in studi importanti bisogna sviluppare competenze specializzate.

Vuoi diventare un asso con la macchina da cucire?
Allora sei nel posto giusto: taglio, cucito e confezione non avranno più segreti dopo il nostro corso.

Raccontare una storia, fissare un momento, imprimere ciò che è più importante nella vita letteralmente sulla pelle. Una professione, quella del tatuatore, che ne racchiude tante: artista, amico, confidente.

Articoli correlati

25/01/2022

La richiesta di diventare event manager - ovvero la figura professionale che si occupa di organizzar...

10/04/2021

Grazie all'acquisto co-finanziato FSE del software "ScuolaSemplice", AreaDomani ha realizzato il progetto di avvio e ausilio allo smart working e alla possibilità di effettuare lezioni in d.a.d.

11/01/2021

Quante volte hai chiesto qual è il significato di un tatuaggio con triangolo? Gli aspetti da valuta...

08/01/2021

Il significato del tatuaggio con serpente può essere facilmente frainteso. Questo animale, troppo s...

08/01/2021

Bisogna motivare questo punto? In realtà può essere quasi superfluo approfondire le motivazioni ch...

31/12/2020

Avere maggiori informazioni su come diventare costumista teatrale è fondamentale se ami la moda ma ...

29/12/2020

Per capire come diventare reporter fotografico bisogna affrontare una serie di parametri che vanno o...

24/12/2020

Il significato del tatuaggio con la rosa è chiaro: si vuole comunicare gentilezza, bellezza, amore ...

24/12/2020

Il videomaker (noto anche come film maker) è quella figura professionale che si occupa della creazi...

24/12/2020

Come diventare modella manista? Questo è il sogno di molte ragazze che da sempre hanno due passioni...

18/12/2020

Molte persone, oggi, vogliono scoprire come diventare nail artist e lavorare nel mondo dell'onicotec...