Come diventare costumista per il teatro

come diventare costumista teatrale

Avere maggiori informazioni su come diventare costumista teatrale è fondamentale se ami la moda ma anche il magico mondo del palcoscenico. Chiaramente puoi declinare questa passione anche per il cinema e la televisione – anzi, è auspicabile fare esperienze in questi campi – ma bisogna parlare con chiarezza: il teatro ha sempre il suo fascino.

Ed è per questo che c’è sempre molta gente che cerca informazioni su come si diventa prima aiuto costumista e infine responsabile degli abiti da usare in scena.

Perché questa professione è così ambita? C’è molta richiesta nel settore? Ecco cosa devi sapere per iniziare un percorso virtuoso verso quest’attività antica e affascinante.

Chi è il costumista teatrale, definizione

Il costumista teatrale è la persona che si occupa dei disegni e della scelta degli abiti di scena in uno spettacolo. Di conseguenza è una figura professionale che definisce i colori, i tessuti il taglio dell’abbigliamento indossato sia dai protagonisti che delle comparse.

Il suo obiettivo è quello di riuscire a rappresentare al meglio le varie personalità, coincidendo con il periodo storico e lavorando insieme alla regia e alla sceneggiatura. Vuoi approfondire questi argomenti? Continua a leggere per avere maggiori informazioni.

Quali sono le competenze specifiche

Questa figura deve essere in grado di fondere due competenze fondamentali: competenze tecniche del settore sartoriale e conoscenza storica del periodo teatrale da affrontare.

Da qui si diramano altre capacità specifiche. Ad esempio lo studio del teatro e delle sue dinamiche ma anche lo studio di tutto ciò che riguarda la gestione di un team perché di solito il costumista teatrale deve anche guidare i sarti verso al realizzazione dei costumi.

Quanto guadagna un costumista

Difficile dare un riferimento chiaro rispetto allo stipendio di un costumista ma c’è anche da aggiungere un punto: possiamo riunire diverse specializzazioni (costumista teatrale, cinematografico, della televisione o di altri eventi) in un’unica categoria.

Allora, secondo il sito jobbydoo.it/stipendio/costumista lo stipendio di un costumista è di 26.500 € lordi all’anno, vale a dire circa 1.450 € netti al mese. Si tratta di una stima e c’è da ricordare che si tratta di un lavoro in cui l’esperienza consente di fare la differenza.

Quanto guadagna un costumista
Quanto guadagna un costumista

Infatti a circa 10/20 anni di attività si può raggiungere la somma di 35.000 euro l’anno. Come puoi vedere da questo grafico, c’è ancora qualche possibilità di aumentare lo stipendio negli anni successivi.

Come diventare costumista teatrale

Questo è il punto essenziale: devi scoprire come diventare costumista teatrale ma c’è sempre grande confusione. Perché non è previsto un percorso formativo specifico.

Di sicuro, però, può essere utile avere una base legata al liceo artistico. Per poi proseguire verso università con corsi dedicati alla moda. In modo da approfondire la storia di questa materia, e quella di diversi periodi storici. Vuoi definire questi argomenti?

Quale laurea conviene seguire?

Il corso di laurea in scienze della moda fa sicuramente al coso di un futuro costumista, che sia teatrale o cinematografico non fa differenza. Di sicuro anche una specializzazione in scienze umanistiche può aiutare ma chi vuole lavorare con registi, truccatori e sceneggiatori deve avere di sicuro una base chiara del mondo della moda.

Come specializzarsi come costumista?

Non basta essere competente rispetto alla teoria e avere una conoscenza dei vari capi di abbigliamento. Il costumista teatrale deve avere una buona competenza anche per quel che riguarda la storia della moda, dei tessuti, degli accessori e delle acconciature.

Per questo è indispensabile, dopo la laurea in scienze della moda, seguire un workshop di aggiornamento e di specializzazione. Come i vari corsi di sartoria e design di moda.

Tutto dipende anche da come si orienta la tua passione. Un costumista di teatro deve anche lavorare sulla scelta dei cappelli, dei guanti e degli accessori in relazione con le esigenze del regista e di chi perfeziona coreografia, scenografia, trucco e acconciatura.

Bisogna conoscere il teatro

Il costumista teatrale deve avere subito il polso della situazione e masticare teatro da subito. C’è bisogno di esperienza concreta, una delle soluzioni migliori è quella di seguire il mondo del palcoscenico già durante gli anni universitari. Compagnie teatrali per giovani e studenti ce ne sono tante e conviene iniziare dal basso, magari come attore o attrice.

Per poi specializzarsi e magari iniziare anche qualche esperienza nei settori trasversali come quello del cinema o della TV. Il lavoro del costumista non è fatto solo di moda.

Anche quando parliamo del lavoro in un teatro (piccolo o grande che sia) bisogna considerare il budget necessario per reperire le stoffe della sartoria. E magari capire quando è il momento di noleggiare invece di creare degli abiti da zero.

In quest’ultimo caso bisogna essere in grado anche di saper scegliere la stoffa e i tessuti sia per rientrare nelle spese che per ricreare al meglio la rappresentazione storica.

Vuoi lavorare come costumista teatrale?

Uno dei passaggi lo abbiamo elencato: parliamo della formazione, vale a dire lo studio delle basi necessarie per presentarsi a un colloquio o a un casting e avere maggiori possibilità di avere il posto dei tuoi sogni. Si inizia dal basso, come aiuto costumista.

Ma ogni giorno in più passato dietro le quinte, tra camerini e sartorie, ti permette di fare un passo avanti verso il tuo obiettivo. Ecco perché è sempre importante avere ben chiaro il programma del corso di costumista teatrale che devi seguire in questi casi.