Trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente

Trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente a volte può essere difficile e può portarti ad una serie infinita di revisioni che non centrano mai il punto. Ecco i consigli per ridurre le revisioni ed avere un cliente felice.

Trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente a volte  può essere un vero incubo. Credi di aver fatto un buon lavoro e probabilmente è così, solo che invece di trovarti davanti un cliente soddisfatto e felice trovi una persona che ti trascina in circolo vizioso di revisioni, cambi e correzioni al progetto. Nella migliore delle ipotesi la cosa si risolverà in poco , altre invece diventerà una spirale senza fine in cui il cliente sarà sempre più scontento ed arrabbiato e tu sempre più frustrato.

Per molti web designer questa è la norma, non desiderano altro che avere un cliente soddisfatto e pensano che un numero pressoché infinito di revisioni al progetto sia dovuto. È bene chiarire che la necessità di fare delle revisioni per aggiustare il tiro e limare gli spigoli è più che normale. Non bisogna peròcadere in un loop infinito. È possibile quindi fare qualcosa per evitare che questo succeda? Certamente, la risposta sta in un proverbio antico come il mondo:

Prevenire è meglio che curare.

Fai le giuste domande all’inizio

Trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente

Fare tanto domande nella fasi iniziali del progetto ha due grandi vantaggi:

  • Dimostra che sei interessato a trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente.
  • Ti permette di capire sia il cliente che il progetto e creare qualcosa che rispecchi il suo carattere e le sue aspettative, riducendo drasticamente le richieste di revisione in seguito.

Quali sono quindi le domande giuste da fare per trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente?

  • Desideri: nella maggior parte dei casi la persona che hai davanti ti propone di occuparti del suo progetto perché ha un desiderio da realizzare. Questo può essere un maggior guadagno, più tempo libero, affermarsi o realizzare un’idea.
  • Risultati: quali sono i risultati che servono per realizzare i suoi desideri? Le vendite devono aumentare del 10%, le visite al sito devono triplicare, etc. Di qualsiasi cosa si tratti i risultati sono sempre misurabili e ben precisi.
  • Timori: molto probabilmente il tuo cliente anche dopo capito di avere di fronte un professionista avrà comunque dei timori riguardo allo sviluppo del progetto. Questi timori possono essere di qualsiasi natura, come per esempio la paura che il nuovo design non piaccia e che quindi avrà l’effetto contrario a quello per cui ti ha pagato. Capire da subito quali sono le paure ti permette non solo di progettare il sito sapendo già quali potrebbero essere le criticità, ma anche di capire in che modo presentare al cliente il prodotto finito.
  • Aspettative: Il cliente come immagina il prodotto una volta completo? Come pensa funzionerà? Come crede che i suoi clienti lo vedranno e ne penseranno? Le risposte a queste domande sono preziose come l’oro perché ti aprono una finestra direttamente sulla visione del cliente che potrai realizzare scegliendo i colori ed il design più adatto.

Se il cliente è d’accordo la cosa migliore che tu possa fare è trascrivere, o meglio ancora registrare le risposte a queste domande. Potrai così ricavare il massimo dal vostro incontro e trasformare quella che è stata la chiacchierata in cui vi siete conosciuti in un documento che contiene le linee guida per il progetto.

Guida le decisioni e rendilo partecipe

Trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente

A seconda del cliente che avrai di fronte dovrai imparare a trovare il giusto equilibrio tra quanto renderlo partecipe e quanto sollevarlo da informazioni e decisioni che in realtà non vuole prendere e per cui si è rivolto a te. Come si trova questo equilibrio? Dandogli delle scelte limitate e basilari. Per esempio puoi presentare al cliente una lista delle funzioni che credi il sito debba avere ascoltando poi la sua opinione. Lo stesso vale per le varie sezioni del sito, una sitemap in questi casi sarà la tua migliore alleata.

Un’altra best practice è quella di presentare 2-3 moodboard o bozze al cliente basate sulle risposte alle domande del paragrafo precedente. Fare questo prima di iniziare a sviluppare effettivamente il progetto permette di non perdere tempo prezioso e far sentire il cliente partecipe nella giusta proporzione.

Presenta il prodotto parlando la lingua del cliente

Trovare la soluzione perfetta per il tuo cliente

Hai trovato la soluzione perfetta per il tuo cliente, ora devi presentargliela per farglielo capire. Come fare? Semplice. Parla la sua stessa lingua. Se hai davanti una persona che mira al risultato allora è quello che devi mettere sul tavolo, parlagli di come il prodotto ripagherà l’investimento. Se il tuo cliente invece è un esteta ed anche un po’ pignolo punta tutto sulla bellezza e sull’armonia. Insomma, non presentargli il design cercando di sembrare il più professionale possibile, ma parlagli di ciò che gli interessa veramente mantenendo la professionalità.

Se vuoi diventare un web designer e realizzare siti web efficaci, abbiamo il corso che fa per te. Clicca qui per scoprirne di più.