iPhoneography: creare contenuti per il web con lo smartphone

Contenuti. Un progetto web ha bisogno di contenuti degni di questo nome. Ma sbaglia chi crede che in una content strategy ci siano solo articoli per il blog: puoi trovare immagini, grafiche, video, gif, meme, minivideo, podcast, applicazioni. Anche foto scattate con lo smartphone. E quindi iPhoneography.

Un tempo l’unico modo per ottenere foto di qualità era attraverso l’uso di macchine fotografiche professionali. Certo, il massimo risultato è legato sempre all’uso di una strumentazione degna di nota. La tecnologia si evolve, e gli smartphone diventano sostituti eccellenti delle macchine fotografiche. Tanto che oggi si parla di iPhoneography.

Cosa è l’iPhoneography?

Le tecniche e le pratiche che ti permettono di creare una foto con iPhone o iPad. Insomma, con un dispositivo Apple. Ho usato una formula particolare: “creare una foto”. Ed è proprio questo il succo di questa disciplina, perché con l’iPhoneography lavori sull’ottimizzazione dello scatto ma anche sulla successiva modifica.

Quindi riunisci le abilità di un fotografo, e le declini attraverso lo strumento smartphone. Certo, i puristi dello scatto non sono d’accordo e prendono le distanze da queste pratiche. Ma è inutile mettere paletti e freni al progresso: le nuove tecnologie avanzano, e una buona strategia web ha bisogno anche di questi contenuti.

Pensa, ad esempio, ai brand che gestiscono account Instagram. Ci sono delle applicazioni che permettono di caricare da desktop le immagini scattate da macchie professionali  modificate da Photoshop, ma a volte devi lavorare in real time. Magari durante un evento, un live tweeting o una presentazione. Ecco perché l’iPhoneography diventa fondamentale.

iPhoneography

Cosa non è l’iPhoneography

Fare foto con lo smartphone e modificarle con Instagram. Il punto più importante è questo: l’iPhoneography è (o almeno dovrebbe essere) un approccio professionale all’uso dello smartphone per creare contenuti di qualità. Telefonino non è sinonimo di scarsa qualità, ma è proprio grazie all’uso di questo mezzo che si caratterizza lo scatto.

Intorno all’iPhoneography sono nate community di professionisti che si scambiano opinioni, consigli, articoli utili per migliorare il proprio lavoro. Ecco qualche nome da seguire:

La tecnica è importante

L’iPhoneography nasce intorno agli strumenti Apple, anche se questa etichetta viene allargata a chiunque usi lo smartphone per creare un prodotto fotografico. Quindi c’è bisogno di un’abilità nel cogliere l’attimo, il momento, la simmetria o le linee. Alla base – prima ancora della scelta del dispositivo – serve la sensibilità individuale di saper raccontare una storia attraverso le immagini.

Poi c’è la tecnica, e il saper scattare una foto serve sempre. Ecco perché la teoria è importante, e le competenze di chi ha fatto un corso di fotografia si notano anche in questo settore. In questo modo sarà semplice gestire le luci e i colori, scegliere se puntare sul bianco e nero o sul grunge, se usare Photoshop o Lightroom, se costruire la foto eliminando o inserendo elementi. A volte una grande fotografia è frutto di una coincidenza, ma spesso viene scattata da un professionista che conosce le basi del suo lavoro.

iPhoneography

Detto in altre parole, per puntare sull’iPhoneography non basta avere uno smartphone e tanto tempo libero per andare in giro a scattare foto: devi avere tanta conoscenza teorica. Senza dimenticare la pratica. A proposito, come si modificano le immagini?

iPhoneography tool: lenti e cavalletti

Tutto nasce da una foto scattata bene, ecco perché devi assicurarti l’hardware. Il telefonino di ultima generazione aiuta, puoi ottenere grandi scatti da uno smartphone di ultima generazione (in questo gli iPhone sono eccellenti) ma puoi migliorare il risultato di base con degli accessori:

  • Lenti da applicare allo smartphone – Se ne trovano di ogni qualità e prezzo, puoi utilizzarle per ottenere effetti differenti – tipo il fisheye, il grandangolo – o per scattare le foto da una distanza ravvicinata.
  • Cavalletti e aste – Per migliorare gli scatti devi usare, quando possibile, i cavalletti per mantenere stabile lo smartphone. In più devi avere la classica asta per selfie: è obbligatoria.

Poi ci sono gli elementi indispensabili per avere sempre tutto sotto controllo: una bella custodia o una borsa con cavetti, adattatori, batterie di emergenza, custodia impermeabile. Quando lavori nel campo dell’iPhoneography devi essere pronto ad affrontare qualsiasi difficoltà.

iPhoneography

Applicazioni per iPhoneography

Questo è il nodo cruciale: quale applicazione scegliere? Voglio dedicarmi all’iPhoneography, ma come posso migliorare il mio iPhone? Cosa devo usare per modificare gli scatti? Ecco una lista delle migliori applicazioni:

  • Instagram – La base, il punto di partenza. Non solo un’app per modificare le foto e per applicare filtri, ma il varco per entrare in una community infinita.
  • Procamera8 – Le premesse sono ottime: trasforma il tuo iPhone in una vera e propria macchina fotografica. Una macchina professionale. Ed è proprio così.
  • Snapseed – Il sostituto ideale di un programma di photo editing. Instagram ti lancia nella community, Procamera8 trasforma il tuo smartphone e questo tool ti permette di ottimizzare ogni aspetto delle foto.
  • Fxstudio – Uno degli archivi di effetti più amati e ricchi. Installa subito quest’app sul tuo telefonino, sarà il punto di riferimento per le tue evoluzioni. Per inserire testo sulle immagini, invece, consiglio Phonto.

Intorno al mercato delle app per modificare e ottimizzare foto da smartphone c’è un mercato infinito: io ti ho indicato quelle che, dal mio punto di vista, sono utili per fare iPhoneography con un approccio professionale. Vuoi aggiungerne altre? Credi che questa lista debba essere arricchita con un’applicazione che usi e che ti sta dando grandi soddisfazioni? Lascia la tua opinione nei commenti.

Se vuoi diventare un fotografo professionista e imparare a realizzare scatti meravigliosi, clicca qui per scoprire le nostre proposte.