Ricostruzione Unghie: cos’è e come funziona

Ricostruzione Unghie cos’è e come funziona

Le mani sono una delle parti del corpo più comunicative proprio perché sono un importante strumento di seduzione. Soprattutto per le donne.

Una bella mano si riconosce dalla cura delle unghie e se sono scheggiate, rovinate o si ha la pessima abitudine a mordicchiarle, l’aspetto estetico viene ampiamente compromesso. Per questo ci si affida a una specialista nella ricostruzione delle unghie.

Cos’è la ricostruzione unghie

Quando si pensa a questa particolare tecnica è facile pensare che non sia altro che l’applicazione di unghie finte sopra quelle rovinate. Un mero lavoro di copertura che però, invece di risolvere il disastro estetico, lo acuisce. In realtà, la ricostruzione unghie non avviene tramite il fissaggio di protesi fittizie ma si occupa di salvare la parte sana dell’unghia rimodellandone le parti mancanti con una sostanza rinforzante chiamata gel.

Tecnica più moderna rispetto a quella che comporta l’uso di acrilici, il gel non solo permette di curare l’onicofagia (il vizio di mangiarsi le unghie) ma svolge anche una funzione di rinforzo oltre che di abbellimento.

Come funziona la ricostruzione unghie

Per capire come funziona la ricostruzione unghie tramite gel esistono diversi video tutorial capaci di spiegare ogni singolo step da seguire per avere mani perfette. In questo post è stato preso ad esempio il seguente video di Estetica & Make Up, perché ha come sottofondo musicale la bellissima canzone di Adele “Someone Like You” e ogni procedimento non solo è illustrato con chiarezza ma è anche presentato da un piccolo e semplice tip.


Come avrai sicuramente notato, la ricostruzione unghie tramite gel richiede numerosi passaggi che vanno affrontati con pazienza, precisione e un catalizzatore lampada. Malgrado questo strumento permetta di velocizzare l’asciugatura e il fissaggio di ogni singola applicazione, non vuol dire che si otterrà un risultato stupefacente in quattro e quattr’otto. Ogni cosa, per riuscire bene, ha bisogno di tempo. Ma ne vale la pena.

Se non hai voglia di rivedere il video, ecco un piccolo riassunto

Le cuticole che circondano l’ovale dell’unghia vanno fatte rientrare sottopelle usando un bastoncino e, infine, vanno eliminate con una lima o una fresa. L’unghia, anche se appare liscia e lucida, in realtà è molto porosa e assorbe le sostanze con le quali si entra in contatto. Il buffer serve per opacizzarla e ripulirla da esse. In seguito le unghie vanno limate e preparate applicando dei prodotti pre gel, tra cui il primer e, se si vuole allungarle, va inserita anche una cartina.

Una volta fatto ciò si passa a stendere il gel base che verrà asciugato utilizzando il catalizzatore lampada. Una volta concluso il primo ciclo sotto i raggi ultravioletti, l’estetista si preoccuperà di sgrassare e limare (oltre che rimuovere la cartina) e, con un gel costruttore, farà in modo che l’unghia appaia leggermente bombata.

Infine, e per l’ultima volta, l’unghia verrà nuovamente sgrassata e opacizzata e arriverà il momento di divertirsi con la scelta del colore e delle decorazioni che verranno coperte con un altro strato di gel.

Per unghie a prova di bomba e molto, molto seducenti, da sfoggiare con orgoglio, sicure di aver delle mani bellissime e provviste di unghie forti e resistenti che smentiranno, in parte, l’affermazione di Jody Lynn Picoult:

“Le cose si rompono in continuazione. Bicchieri, piatti, unghie. Le promesse. I cuori”

P.S. Jody Lynn Picoult è l’autrice de “La custode di mia sorella”. Romanzo dal quale è estratto tratto il film omonimo diretto da Nick Cassavetes e che ha come interpreti principali Cameron Diaz, Abigail Breslin e Sofia Vassilieva.


Se vuoi diventare una professionista della Ricostruzione Unghie, ti consigliamo di dare un’occhiata qui per valutare le nostre proposte.

 

  • Monica Filoni

    Sono contentissima che ci sia q

  • Monica Filoni

    Sono super felice che ci sia questo metodo per le unghie. Da quando sono bambina le mangio sempre ma da quando mi faccio mettere la resina dopo una vacanza a s. cristina, dove sono venuta a conoscenza di questo metodo, lo faccio una volta al mese e le mie mani sono il miglior biglietto da visita che possiedo! Monica di http://www.cendevaves.it/das-hotel-in-st-christina.html